Gojira “L’Enfant Sauvage” (2012 -Roadrunner Records-)

Gojira “L’Enfant Sauvage” (2012 -Roadrunner Records-)
If you have ever underestimated the european metal scene, especially all those bands coming from France, well, my dear metalheads, that means that you have never crossed your path with Gojira.
They are one of the few that manage to combine metal aggression with inspiration. Few do that. “L’Enfant Sauvage” is Gojira new album, the first for a big label like Roadrunner Records. It’s brute force translated into music, you can recognize it from the start, thanks to the work of Duplantier brothers, Mario and Joe, who seem to weave plots even more complicated and dangerous than the usual. Those who feared the change of label, here will change their mind.
Each riff is well chiseled, there are brutal rhythms, pressing and energy not wasted but well channeled. Eleven tracks that surprise since the opening “Explosia” through the titletrack, until the pounding “The ax”. It’s a surprise to find a band able to reinvent itself and maintain an high standard of quality even at their fifth album. But, you know, Gojira are brilliant, perfect, and bad. We want them always in this form. So, is it possible to make something better than “The Enant Sauvage”? Maybe. But it’s a challenge!
By the way, if you want to enjoy even more this record, there’s a special version of “L’Enfant Sauvage” available, with two bonus tracks, a DVD with their 2009 performance at Les Eurockéennes and a t-shirt.
Is that enough?
Andrea “Teskio” Paoli
Vote: 9/10
Gojira “L’Enfant Sauvage” (2012 -Roadrunner Records-)
Se avete sempre preso sotto gamba il metal proveniente dall’Europa, in particolare dalla Francia, beh, cari amici metallari, vuol dire che non avete mai avuto a che fare con i Gojira.
Loro sono infatti, tra i pochi gruppi, che riescono a coniugare l’aggressività tipica del genere con l’estro. Cosa che pochi fanno. “L’Enfant Sauvage” è il loro qnuovo disco, il primo per la Roadrunner. Forza bruta tradotta in musica, lo si capisce sin dall’inizio grazie al lavoro dei fratelli Duplantier, Mario e Joe, che qui sembrano tessere trame ancora più complicate e pericolose del solito. Chi temeva un certo ammorbidimento per il passaggio di etichetta, avrà da ricredersi.
Ogni riff è ben cesellato, i ritmi brutali, pressanti e l’energia non è sprecata ma ben incanalata. Undici tracce che stupiscono, sin dall’apertura affidata a “Explosia”, passando per la titletrack, fino alla martellante “The axe”. Sorprendente trovare una band capace di reinventarsi così e mantenere uno standard qualitativo così elevato, considerando che, si tratta del quinto album. Ma i Gojira sono fatti così: geniali, perfetti, cattivi. Li vorremmo sempre in questa forma. Ma realizzare qualcosa meglio di “L’Enant Sauvage” è possibile? Forse. Ma è una vera sfida!
A proposito. Se volete godere ancora di più, esiste una versione speciale di “L’Enfant Sauvage” con due bonus track, un DVD contenente un loro esibizione del 2009 a Les Eurockéennes e una maglietta. È sufficiente?
Andrea “Teskio” Paoli
Vote: 9/10

Gojira
Roadrunner Records

enfant_sauvage