Nervecell “Psycho genocide” (2011 -Lifeforce Records-)

Nervecell “Psycho genocide” (2011 -Lifeforce Records-)
Ok, non è certamente il mio genere preferito. L’ammissione fungerà da sintetico ma esplicativo preambolo nel caso in cui qualche metallaro qui su Fire Alive si senta colpito sul nervo da una qualche scarica elettrica durante la lettura di questa recensione.
Partiamo dicendo che la peculiarità della band non è tanto il sound ( i 3 insieme dal 2000 hanno avuto modo di suonare parecchio insieme e si sente ) quanto la loro provenienza: gli Emirati Arabi Uniti, in specifico Dubai.
Al sottoscritto risulta difficile immaginare la scena musicale in una città così Cosmopolita ed al tempo stesso assai conservatrice, figurarsi quello che potranno pensare i concittadini dei Nervecell nel momento in cui dagli stereo dei figli ( comprati con i petrodollari dei genitori, assai più numerosi che le band rock/metal in quella città ) uscirà a tutto volume il sound di questa band death metal.
Come si legge dalla loro biografia le ispirazioni sono classiche nel genere: Morbid Angel e Suffocation su tutti oserei dire, mentre non vengono disdegnati i grandi classici del trash e mi sembra di aver colto anche il rimando a qualcosa di non propriamente death.
Nei momenti, rari, di cantato in pulito e durante alcuni picchi di growl la voce di James Khazaal mi ricorda i momenti più brutali delle performance di Dez Fafara per lo più nella versione Coal Chamber.
La band suona assai tecnica ma non pacchiana, riuscendo a scaraventare una tale quantità di note e doppia cassa sull’ascoltatore da lasciarlo attonito.
Decisamente consigliati per gli amanti del genere; il nuovo vento che spira dai paesi musulmani è anche questo, può la musica liberare i costumi ed aprire le menti?
Francesco
Vote: 7/10

Nervecell “Psycho genocide” (2011 -Lifeforce Records-)
Ok, this is not my kind of music. It’s a brief and clear preamble for those metallers who will read this review on Fire Alive.
I start saying that the peculiarity of this band it’s not the sound ( the 3 Nervecell components play together since 2000 and it emerges really great ) than the origin of this band: United Arab Emirates ( precisely Dubai ).
It’s difficult for me to imagine how would be the music scene in a so cosmopolitan and conservative city. And it’s harder to stop and think about what people in this country could say regard this kind of music ( maybe the same that Dubai’s adolescents listened to ). Death metal, no compromises.
As you could read in Nervecell’s biography they have classic inspirations from death “old” metal like Suffocation and Morbid Angel. However the big trash exponents Metallica and Slayer have a big influence over this 3-pieces band from Dubai.
In some breakers the voice of James Khaazal remembers me the most brutal and hard performance of Dez Fafara ( mostly in the Coal Chamber version ).
The band sounds technique but never tawdry, succeeding in the purpose to hurl an impenetrable wall of sound to the listener..
Really recommended to the fan of death metal; the new wind from the muslims countries is also in music?
Francesco
Vote: 7/10

Nervecell

Lifeforce Records

psychogenocide