Periphery “Periphery” (2010 -Roadrunner Records-)

Periphery “Periphery” (2010 -Roadrunner Records-)
Prog, tech, death metal are at home with Periphery and their self-titled album (June 2010 – Roadrunner Records): good sound, excellent production, a strong release at all. A gradual evolution of metal, I would say, filled with a lot of technicality bringing an impressive version from first to last track. The Periphery’s style is on the way of Meshuggah, Between the Buried and Me and The Dillinger Escape Plan, more or less: the vocals are particullary original, much melodic, of good appeal, very very fine, compliments. Colossal in structure and sound, a good performance resulting fresh and new on the scene. Ending: an excellent metal album, modern, new, perfect on each part, and of course, highly professional. You will not be disappointed, as tradition from Roadrunner Records!
Walter
Vote: 9/10
Periphery “Periphery” (2010 -Roadrunner Records-)
Prog, tech e death sono di casa con i Periphery ed il loro self-titled album (Giugno 2010 – Roadrunner Records): produzione eccellente e buoni suoni per una release dalle grandi aspettative e attributi. Un’evoluzione metal graduale, concepita e rifocillata da una tecnicità smisurata dalla prima all’ultima traccia: il risultato, potrete constatare con le vostre orecchie, è impressionante. Lo stile dei Periphery è simile a quello di Meshuggah, Between the Buried and Me e The Dillinger Escape Plan tutti insieme, più o meno appassionatamente. La particolarità degna di nota, che spicca maggiormente sul resto, è sicuramente la versatilità vocale, originale e melodica, di grande appeal e assoluta finezza, davvero complimenti. Descriverei l’elaborato semplicemente colossale, nella struttura e nel sound, una grande impresa ottimamente riuscita. Per finire: metal moderno, fresco, duro, professionale. Lo troverete molto interessante, come da tradizione Roadrunner Records!
Walter
Vote: 9/10

Periphery
Roadrunner Records

periphery