Sepultura “Kairos” (2011 -Nuclear Blast Records-)

Sepultura “Kairos” (2011 -Nuclear Blast Records-) 
Well, I might start saying that Sepultura have changed a lot, of course, when Max Cavalera left the band: anyway this dudes with “Kairos” (June 2011, Nuclear Blast Records) have done a great thrash metal job inked of fast guitars, growls in face, storming drums and persistent double bass.
The album is in line with the modern wave of extreme-metal, a positive and supreme stuff, or better: a different stuff, far away from the early Sepultura. Anyway there’s a lot to appreciate on this tracks, with a new/various style, sometimes nu-metal but still so rude and primitive that it still belongs to extreme landscapes. This isn’t denfinetly a traditional album, “Kairos” looks to the future and what the future will bring for Sepultura: in my point of view there’s still glory waiting for them. This release is still dark and powerful enough, worth to listen and buy; strong metal mixture that will not disappoint headbangers! Maybe the old fans of them should accept that the story is changed: Sepultura have a new one skin right now, take it and enjoy, please! An intense and honest record, at 100%!
Walter
Vote: 9,5/10

Sepultura “Kairos” (2011 -Nuclear Blast Records-)
Partiamo con una certezza ormai assodata: i Sepultura sono cambiati dalla partenza di Max Cavalera, che vi piaccia o no, mettetevi il cuore in pace. “Kairos” (Giugno 2011, Nuclear Blast Records) è comunque un ottimo disco thrash metal di chitarre veloci, growls in face, base ritmica persistente: una release che si allinea perfettamente alla nuova ondata del metal estremo che naturalmente ha dovuto mutare aspetto, per rimanere al passo e non solamente invecchiare o risultare datato. Lo stile molto vario, a volte la vicinanza a sonorità nu-metal senza rinunciare però al fattore rough sempre presente, sono cose da apprezzare assolutamente e, se riuscirete a farlo, capirete che i Sepultura appartengono ancora alla frangia più estrema. “Kairos” è ancora un disco potentissimo, oscuro, magnificente, che merita assolutamente di essere preso in considerazione. C’è una sola cosa da fare, cari vecchi fans dei Sepultura: la band ha cambiato pelle, fatevene una ragione, aprite un nuovo capitolo e godetevi “Kairos”, un disco intenso ed onesto all’ennesima potenza!
Walter
Vote: 9,5/10

Sepultura
Nuclear Blast Records

kairos