Shai Hulud “Misanthropy Pure” (2008 -Metal Blade Records-)

Shai Hulud “Misanthropy Pure” (2008 -Metal Blade Records-)
Shai Hulud are back with “Misanthropy Pure” (May 2008, Metal Blade Records), a huge mixture of heavy riffs combined with passionate/chaotic melodic parts: brand new stuff in the melodic posthardcore world. Shai Hulud have been (and they’re still) the best melodic hardcore band ever, you must know it; expect from “Misanthropy Pure” a strong and modern release so, in perfect Shai Hulud style. Well, something hard happened:
the departure of Geert Van Der Velde, the best Shai Hulud’s singer ever, in my point of view.
I’m sure, he could have brought a different way to “Misanthropy Pure”. Matt Macelli, the new singer, sounds similar to Misery Signals, Foredirelifesake and sometimes to Life In Your Way;
the guitar work is technically much more chaotic then the past releases, never including classic heavy breakdowns typical of metalcore music. “Misanthropy Pure” sounds just different,
but it’ll never sound as anything else, it’ll always sound as Shai Hulud, because there are no bands sounding like Shai Hulud. Fast, technical, melodic, heavy and modern, Shai Hulud are pumping a lot of new blood, never changing their own way, being and staying always true.
Naturally BUY OR DIE!!!
Walter
Vote: 10/10
Shai Hulud “Misanthropy Pure” (2008 -Metal Blade Records-)
Gli Shai Hulud ritornano con “Misanthropy Pure” (Maggio 2008, Metal Blade Records), una miscela di riffs metallici combinati con parti caotiche/passionali che contraddistinguono la band. Bella roba nuova nel mondo posthardcore. Gli Shai Hulud sono stati e sono tutt’ora la migliore band melodic hardcore del pianeta, seppiatelo, quindi aspettatevi da “Misanthropy Pure” un album devstante e perfetto nel suo genere.
Certo, la partenza del vecchio cantante Geert Van Der Velde è stato un colpo duro e, la sua presenza all’interno del gruppo avrebbe sicuramente dato a “Misanthropy Pure” una direzione totalmente differente. Matt Macelli, il nuovo cantante, si avvicina allo stile di Misery Signals, Foredirelifesake e Life In Your Way in alcune parti; il lavoro di chitarra è tecnicamente molto più caotico rispetto ai lavori precedenti e assolutamente non include i breakdowns tipici del sound metalcore.
“Misanthropy Pure” è un disco che suona semplicemente diverso,
è un disco che non suonerà mai uguale ad un altro disco, come del resto nessun disco degli Shai Hulud potrà mai suonare come un altro disco, capite cosa intendo? Veloci, tecnici, melodici, heavy ed estremamente moderni: volete davvero ascoltare qualche cosa di diverso? Vi presento “Misanthropy Pure” e gli Shai Hulud!!!
BUY OR DIE!!!
Walter
Vote: 10/10

Roadrunner RecordsShai Hulud
Metal Blade Records

misantrophy_pure