Slash “Slash” (2010 -Roadrunner Records-)

Slash “Slash” (2010 -Roadrunner Records-)
Nostalgic fans, thrilled for their “old” Slash of the past ( Guns and Roses and Snakepit) , will be probably disappointed , because the sound of this new record by slash is different and also a bit anonymous. The “longhair man” focus the entire work on the super classic structure of rock songs verse/ refrain , verse / refrain/ solo, nothing new after all.
Songs have powerfull and energic attacks , but they finish for the most part in ballads, enough discounted and boring. Obviously there are also violent and noise songs (not enough as expected) like “ Doctor Aliby” with Lemmy from Motorhead.
Some collaborations are great , but not all of them, for exemple track with Adam Levine’ s voice from Maroon 5, where we don’t hear the presence of Slash.
For neophytes this is a sparkling record , full of guest stars from Ozzy Osbourne to Iggy Pop. special guests also as hit –parade personalities such as Fergie (voice in Blak Eyed Peas) , Kid Rock and Chris Cornell. Guests in this record aren’t only singers but Slash recruited for his band respected musicians; Chris Channey from Jane’s Addiction and the extraordinary drummer Josh Freese (member full time for the band Vandals , and past drummer for Sting , Nine Inch Nails, A Perfect Circle, Suicidal Tendencies, Weezer ,..).
We can’t say that it’s a disappointing record , because in this “ sound evolution” post / Slash there are tracks with interesting experiments, such as the song “beautiful dangerous” with Fergie , that reminds to Axl Rose’s pluck and malice and “ by the sword” with Andrew Stockdale ( Wolfmother) .
Not less evident are 4 songs with the “ old stars”: Ghost ( feat . Ian Astbury), “ Doctor Alibi” ( feat Lemmy), “ Crucify the Dead” ( feat Ozzy, that, according to him, lyric is a personal version of the end of Guns’ era), and “ We ‘re all Gonna Die” ( feat Iggy Pop). For me the best track of this work is paradoxically the only one without voice, in fact in the instrumental song “ Watch This” ( feat. Duff McKagan and “super” Dave Grohl), Slash’s sound guitar is rich of his mark , his resonance, and he plays fantastic solos.
In spite of all, it’s a good record and an interesting product even if it won’t be a masterpiece in the rock history.
Ivan
Vote: 7/10
Slash “Slash” (2010 -Roadrunner Records-)
I nostalgici, ansiosi di sentire il buon vecchio Slash dei tempi che furono (Guns n’Roses e SnakePit), rimarranno probabilmente delusi, perché il suono di questo nuovo album è diverso e a tratti anonimo. Il capellone punta tutto sulla formula super collaudata dei classici rock, strofa/ritornello, strofa/ritornello/assolo, niente di nuovo chiaramente. I pezzi hanno attacchi carichi e pesanti, ma per la maggior parte finiscono in ballate che possono risultare abbastanza scontate e noiose. Ovviamente ci sono anche brani cattivi e violenti (ma non tanti quanto ci si aspetterebbe) su tutti “Doctor Alibi” con Lemmy dei Motorhead. Alcune collaborazioni sono riuscitissime, altre un po’ meno, come per esempio la traccia cantata da Adam Levine dei Maroon 5, dove non si sente neanche l’odore di Slash.
Per i neofiti è un album sfavillante di guest star da Ozzy Osbourne a Iggy Pop. Invitati speciali anche personaggi che macinano classifiche come Fergie, (vocalist femminile dei Black Eyed Peas), Kid Rock e Chris Cornell. Gli ospiti però non si limitano alla sola sezione vocale, Slash infatti si avvale di due musicisti di tutto rispetto, Chris Chaney dei Jane’s Addiction, e il turnista mostruoso Josh Freese (membro full-time dei The Vandals che vanta collaborazioni con artisti come Sting, Nine Inch Nails, A Perfect Circle, Suicidal Tendencies, Weezer ecc..).
E’ esagerato dire che si tratta di un disco deludente, perché in questa “evoluzione” sonora post/Slash ci sono delle tracce con esperimenti molto interessanti, come Fergie in “Beautiful Dangerous” che ricorda la grinta e il graffio di Axl Rose, e “By the Sword” con Andrew Stockdale (Wolfmother). Non sono da meno anche i 4 pezzi coi “nonnetti”: “Ghost” (feat. Ian Astbury), “Doctor Alibi” (feat. Lemmy), “Crucify the dead” (feat. Ozzy, il cui testo è una versione personale della fine dei Guns secondo il Madman) e “We’re all gonna die” (feat. Iggy Pop). Personalmente però la traccia che mi ha colpito di più è paradossalmente l’unica senza voce, infatti nella strumentale “Watch This” Slash (che è affiancato niente meno che da Dave Grohl e Duff McKagan) si immerge nella sua classica sonorità e regala assoli slega corde come si deve.
Tutto sommato è un buon album, non sarà un capolavoro con pezzi che resteranno nella storia del rock, ma è senza dubbio un prodotto molto interessante.
Ivan
Vote: 7/10

Slash
Roadrunner Records

slash