Temple of Deimos “Work to be done” (2014 -Go Down Records/This Is Core Records-)

Temple of Deimos “Work to be done” (2014 -Go Down Records/This Is Core Records-)
Il rock’n’roll vecchia scuola non vuole saperne mai di morire, è proprio vero. Passa di moda, sta nell’ombra per anni e poi torna prepotentemente in auge senza che nessuno se l’aspetti. Nel frattempo nel sottobosco qualcosa si muove sempre, appassionati e band sempre pronte a dar vita a ciò che amano, senza pensare al music business e amenità del genere, come nel caso dei genovesi Temple Of Deimos. Loro sono a tutti gli effetti una band allucinata e allucinante al tempo stesso. Gente che vive nel proprio mondo, fatto di psichedelia, rumore (tanto) e quel mood nostalgico che li trasporta una volta imbracciati gli strumenti agli albori del genere, quegli anni ’70 dove tutto era concesso in ambito musicale. “Work to be done” è il risultato dell’ennesima folle reunion di questi pazzi, capaci di unire nel proprio sound elementi cari allo stoner, al desert-rock, allo swedish rock’n’roll e perché no, al garage-rock. Qualcosa di folle a prima vista ma riuscitissimo, che sa come entusiasmare attraverso furiose cavalcate sonore e che inebria grazie a una tonalità di voce molto particolare, psichedelica direi quasi. Trattasi di un disco che non ha nulla di che spartire con ciò che si trova oggigiorno sugli scaffali dei negozi nella categoria rock, qui si parla di vita vissuta e di apparizioni, gasando non poco. Musicalmente più che validi questi Temple Of Deimos sembra abbiano tutte le carte in regola per far bene soprattutto nel Nord Europa, territorio certamente più fertile per questa tipologia di proposta. In attesa di vederli all’opera in qualche sgangherato pub di provincia non rimane altro da fare che ascoltarli in loop.
Complimenti ragazzi!
Alessandro Brambilla
Vote: 8/10

Temple of Deimos
Go Down Records
This Is Core Music

temple_of_deimos_work_to_be_done